Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Washington, un anno dopo

trump
Non c’è testata di qualità globale che non dedichi il dovuto spazio all’anniversario del 6 gennaio: quando una folla di facinorosi repubblicani prese d’assalto il Campidoglio di Washington per impedire l’elezione di Joe Biden; quando la democrazia americana visse il suo momento più drammatico dai tempi della Guerra Civile.

Dopo le incredibili immagini da Washington che d’improvviso si era trasformata nella capitale di un paese del Terzo Mondo alle prese con un golpe, era logico pensare che quella sarebbe stata la fine del trumpismo; che il bipolarismo americano avrebbe ripreso il suo corso naturale: il partito perdente ammette la sconfitta, cambia candidato e programma per cercare di vincere l’elezione successiva.

Invece in questi giorni non c’è testata – eccetto quelle sostenitrici di Donald Trump e dell’Internazionale Autocratica (ormai possiamo usare questa definizione) – che affronti la ricorrenza con inusuale preoccupazione. The Economist ha dedicato la copertina al pericolo sempre più evidente che il partito repubblicano si stia allontanando dal tempio della democrazia. Come anche il Washington Post, il NewYork Times ha scritto che “la Repubblica è di fronte a una minaccia esistenziale da un movimento che apertamente disprezza la democrazia ed ha dimostrato di essere disposto a far uso della violenza per raggiungere i suoi scopi”.

Quel movimento non sono le migliaia di esagitati del 6 di gennaio; non sono le milizie armate dell’ultra-destra nazionalista. E’ il Partito Repubblicano, l’altro pilastro fondamentale, insieme al Democratico, perché la democrazia americana funzioni.

Nei giorni successivi all’assalto al Campidoglio, rappresentanti e senatori repubblicani avevano preso le distanze da Trump, dai suoi comportamenti e dalle dichiarazioni che avevano contribuito a scatenare gli estremisti. Poi hanno scoperto che il 70% dell’elettorato repubblicano continuava a credere che le elezioni erano state truccate; che il partito e la sua cassa continuavano ad essere controllati da Trump; che in assenza di una forte revisione politica interna, demografia e censo avrebbero garantito per molti anni un Congresso e una presidenza democratiche.

Il New York Times ricorda che in questo ultimo anno “i legislatori repubblicani in 41 stati hanno cercato di far avanzare gli obiettivi dei rivoltosi del 6 gennaio”. Non violando le leggi come questi ultimi, ma facendone di nuove: limitando il diritto di accesso al voto, modificando i distretti elettorali, trasformando le commissioni che conteggiano le schede in affiliazioni repubblicane.

Un eroe delle elezioni dell’anno scorso era stato Brad Raffensberger, il segretario di Stato della Georgia: negli stati questa carica equivale a un ministro degli Interni a capo della commissione elettorale. Nonostante fosse repubblicano, Raffensberger si era rifiutato di inventare gli 11.780 voti che Trump pretendeva per superare Joe Biden in Georgia. Perché non accada più, l’assemblea legislativa a maggioranza repubblicana ha eliminato la carica di segretario di Stato. Cose simili stanno accadendo in Michigan, Nevada, Arizona.

Sia pure con mezzi apparentemente meno violenti, ormai ogni giorno è un altro 6 di gennaio, è la sintesi dell’editoriale del Times. La retorica dei leader lascia intendere che il Partito Repubblicano si veda “come il solo legittimo potere di governo e quindi veda la vittoria di chiunque altro come il risultato di una frode”.

Un anno dopo gli eventi, 725 aggressori sono stati arrestati o denunciati. Ma i giudici né la commissione parlamentare sono ancora arrivati ai mandanti. Se e quando Donald Trump sarà inquisito, entrerà in gioco la Corte Suprema della quale sei dei nove giudici sono di nomina repubblicana. Tre scelti da Trump.

Se la più importante democrazia, economia e potenza militare del mondo, diventa una super-Ungheria di Orban, cosa accadrà alle più fragili democrazie liberali di noialtri? Secondo Freedom House, per la prima volta dal 1974 i paesi che hanno abbandonato la democrazia sono stati più numerosi di quelli che l’hanno adottata: 12 a 7 nell’ultimo quinquennio. Polonia, India, Filippine, Turchia, Myanmar. All’inizio degli anni ’90, i paesi europei dell’Est liberato dal controllo sovietico, non erano diventati d’improvviso democratici ma, nel migliore dei casi, tenuamente democratici.

L’illusione ancora più grande fu che ovunque l’economia di mercato si fosse estesa, si sarebbe sviluppata una classe media che avrebbe poi rivendicato anche le libertà politiche. Non è andata così e la Cina è l’esempio più evidente.

Dopo aver già interagito varie volte con il partito Fidesz di Victòr Orban, il Conservative Political Action Forum, braccio armato dei repubblicani americani, quest’anno terrà la sua assemblea generale in Ungheria. Se dopo le elezioni di mid-term dell’anno prossimo e soprattutto le presidenziali del 2024 l’America diventasse una “democrazia illiberale”, delle nostre illusioni resterebbe molto poco.

Http://www.ispionline.it/it/slownews_ispi/

  • Mike Oreon https://ijrfpioqqerjw.com 123 |

    Mike Oreon https://ijrfpioqqerjw.com 123

  • industrialflooring |

    Fire retardant paints are fire resistant. These paints do not catch fire and have delay and extinguishing properties in the face of flame. These paints are mainly water-based and free of any solvents and have a flexible structure. The mechanism of increasing the volume and foaming of the fire-retardant paint when exposed to the flame causes them to quickly form a seamless insulation layer and protect the underlying surface from fire.رنگ ضد حریق

  • Luca Grignani |

    Continuate a mischiare cose vere con cose false, per fare la vostra propaganda, ancora una volta ignorando i problemi concreti: sociali, economici e giurisdizionali del nostro paese. Non farete altro che portare più voti alla meloni e alla Lega. Ma forse questo è il vostro scopo.

  • habsb |

    egr. dr. Tramballi

    Lei solleva un problema gravissimo, il rischio che tutte le nazioni scivolino pian piano sempre più verso forme di governo autocratiche, dove le elezioni vengono controllate o manipolate, le opposizioni serie sabotate o addirittura vietate.

    La causa di questa tendenza sempre più forte è certamente il potere crescente che viene esercitato dai governi, e che rende quindi certe poltrone sempre più appetibili.

    Se i nostri governanti fossero, come dovrebbero essere in una democrazia liberale, dei semplici “civil servant” incaricati di mantenere l’ordine, nessuno di loro spenderebbe decine di milioni per arrivare sul trono o per restarvi. In un paese come la Svizzera, 20ma economia mondiale, ma di cui ben pochi italiani sanno anche solo citare presidente e capo del governo, dotati di poco potere e ancor meno risonanza mediatica, non si verificano questi strappi alle regole democratiche.

    Ma in altri paesi, dove governanti e ministri non mantengono solo l’ordine, ma fanno il bello e il cattivo tempo sul mercato e l’economia, manipolando decine di miliardi e arricchendo il proprio schieramento, allora il posto di ministro o presidente diventa l’obiettivo imprenditoriale di vere e proprie macchine da guerra elettorali, che potranno recuperare facilmente, in caso di vittoria, tutti i fondi spesi, con gli interessi.

    Diceva Platone che la proprietà privata dovrebbe essere vietata all’uomo politico e alla sua famiglia: senza arrivare a questi eccessi è pero’ evidente che non ci si puo’ lamentare che le elezioni diventano una guerra senza esclusioni di colpi se in ballo c’è il potere di spendere senza limiti i soldi degli altri.

    Diceva Rothschild : datemi il potere di emettere moneta non mi importa chi fa le leggi. I governanti di oggi fanno entrambi : emettono moneta (grazie al debito) e fanno pure le leggi (grazie ai decreti). Cosa limita ormai il loro potere ?
    Per arrivare a un tale potere nessun mezzo viene ormai tralasciato.

    L’unica speranza della democrazia sta nella limitazione del potere politico : uso del referendum per tutte le questioni più importanti, tetti al debito rigorosi e rispettati, paletti costituzionali sorvegliati da una magistratura indipendente, fine dell’immunità, e riduzione delle prerogative politiche alle materie legate alla sovranità, senza interferire nell’economia (che è quello che motiva la partecipazione alla politica dei miliardari come Trump o dei milionari opportunisti come Biden e Obama).

    La storia insegna che tutte le socialdemcrazie che hanno gestito l’economia sono scivolate nell’autocrazia fascista o comunista.

  • carl |

    Ho letto un paio di volte il pezzo e sembrerebbe che l’allerta che Lei lancia sia seria e pure grave… E non solo seria e grave, ma che per un’estrema possibilità di difesa della democrazia negli States rimarrebbe anche poco tempo… Vale a dire che, magari già prima delle prossime elezioni di “mid-term”, bisognerebbe mettere a punto e decretare ogni misura atta
    1) a rendere semplice, facile e libero l’iscrizione dei cittadini e, di conseguenza, l’esercizio del loro diritto a votare. Un’iscrizione che gli sviluppi dell’informatica dovrebbero rendere non solo possibile, ma anche ubiqua e persino indipendente dal luogo di residenza.
    2) alla “securization” (che non ha nulla a che vedere con la cosiddetta “cartolarizzazione”, che è un espediente finanziario..) sia del conteggio dei voti che degli addetti a svolgere questo importantissimo (almeno per una democrazia “unfake” o non-fake..).
    Per quanto riguarda il conteggio dei voti, l’ideale sarebbe che ogni elettore conservasse una copia su carta copiativa (o la metà della scheda) riportante l’indicazione del voto espresso. Copia che potrebbe servire per eventuali controlli “random” post elezioni. Ma veramente “random” e, dunque, non riguardanti elettori di fiducia, ossia fatti pre-scegliere dando una spintarella all’estrazione a sorte..:)
    Lascio ad altri, ovviamente, altre eventuali proposte al riguardo

  Post Precedente
Post Successivo