Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Grande Madre Russia

russia
Era dai tempi della glasnost gorbacioviana che in Europa non si vedeva un tale vortice diplomatico: prima Russia-Stati Uniti a Ginevra; poi Russia-Nato (30 paesi) a Bruxelles; infine a Vienna Russia-Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa, l’Osce (56 paesi dal Canada al Kazakhstan) in meno di una settimana. Tutto lascia credere, e bisogna sperarlo, che il confronto riprenderà in qualche modo anche nella prossima.

Non vi sarà sfuggito che gli interlocutori sono tanti ma dall’altro capo del tavolo c’è sempre la Russia. La Russia di Vladimir Vladimirovich Putin. In realtà più della Russia, il protagonista è lui. Probabilmente nemmeno i negoziatori di Mosca mandati a Ginevra, Bruxelles e Vienna sapevano con certezza cosa abbia in mente Putin.

John McCain, senatore repubblicano e vecchio combattente della Guerra fredda, sosteneva che la Russia era “una stazione di servizio mascherata da paese”: intendeva dire che oltre a gas e petrolio non c’era nulla. Barack Obama l’aveva declassata a “potenza regionale”: avendo nove fusi orari, a dire il vero gli interessi di quella potenza “marginale” non hanno mai smesso d’incominciare sul Baltico e finire dall’altra parte del mondo a Vladivostok, sul Mar del Giappone.

Evidentemente la Russia continua a contare qualcosa. Non ha importanza che McCain avesse qualche ragione: arsenale nucleare a parte, l’economia russa è da XX secolo. Conta che Putin sia comunque in grado di mettere sottosopra il vecchio continente, minacciando d’invadere l’Ucraina, un paese europeo: come facevano i totalitarismi appunto nel XX secolo. Il suo obiettivo è ricreare una Grande Madre Russia che non abbia mai fine.

Come se avesse qualche diritto naturale o vinto una guerra, Putin ha offerto condizioni, non proposte, per non invadere il resto dell’Ucraina che non aveva ancora occupato manu militari nel 2014. Dmitri Trenin del Carnegie Center di Mosca, il miglior conoscitore della Russia di Putin, sostiene che “le richieste di Mosca sono probabilmente un’offerta iniziale, non un ultimatum”. Ma 100mila soldati russi continuano a restare al confine ucraino. Equipaggiamento e armamento già trasferiti lì fanno prevedere una forza d’assalto di 175mila uomini.

Come Stalin a Yalta nel 1945, Putin pretende di negoziare il futuro dell’Europa solo con gli Stati Uniti; stabilendo chi nel fronte a lui avversario può allearsi con chi, chi con nessuno, e quali armamenti la Nato può schierare e dove. Per giustificarla, Putin ha condito la superbia con una serie di notizie false alla Trump (in realtà le fake news le hanno create molto prima i russi): che il governo di Kiev vuole fare un genocidio contro la minoranza russa, che la Nato sta per cooptare l’Ucraina, che i disordini in Kazakhstan erano sobillati dall’America. Nella conferenza stampa al ministero degli Esteri di Mosca, venerdì, Sergey Lavrov ha ribadito questa verità virtuale.

Nonostante Putin stia facendo di tutto per mostrare di avere torto, qualche ragione ce l’ha. Il suo tentativo di ritornare a prima della fine della Guerra Fredda è inaccettabile; ma ricostruire con la Russia un equilibrio europeo, è necessario.

E’ evidente che la Russia debba essere rassicurata; che si debba tornare agli accordi sui missili nucleari a medio raggio (500/5.500 chilometri) che Trump aveva annullato; che serva fare di più, cioè ricreare una struttura credibile di sicurezza e cooperazione continentale. Non un’altra obsoleta Yalta ma eventualmente un’altra Helsinki, come nel 1975, quando nonostante la Guerra Fredda i due blocchi costruirono un equilibrio duraturo.

Tuttavia, proprio perché uno dei due blocchi non esiste più, il modello cui tornare è quello che doveva rappresentare l’Osce. Oggi è un organismo pletorico e senza poteri. Ma quando venne creato e si chiamava Csce (Conferenza sulla Sicurezza e Cooperazione in Europa), sembrò un fatto straordinario. La Csce era già nei documenti di Helsinki. Ma nel novembre del 1990, quando a Parigi ne fu convocato un nuovo vertice, la Guerra Fredda era finita e il blocco sovietico era in avanzato stato di disgregazione.

La “casa comune europea dall’Atlantico a Vladivostok” doveva essere l’alternativa. Come corrispondente da Mosca andai a Parigi a seguire il vertice e ricordo ancora l’emozione di quei giorni. L’impero sovietico stava finendo. Eppure l’Occidente, compresa la super-atlantista Margaret Tatcher, non diede mai l’impressione di considerare Mikhail Gorbaciov uno sconfitto. Certo, Vladimir Vladimirovich non è Mikhail Serghevich; come George H.W. Bush aveva idee più chiare di Biden, Mitterand più gravitas di Macron ed Helmut Kohl di Olaf Schkolz.

Dopo di loro, probabilmente l’Occidente ha avuto troppa fretta di allargare a Est la Nato: ma i 14 paesi che da allora sono entrati a farne parte sono il frutto di una libera scelta. Vladimir Putin non può pretendere di tornare a qualcosa di simile a un’Europa prima della caduta del Muro di Berlino. Ma ha il diritto di ottenere solide rassicurazioni: sebbene nessuno lo stia minacciando. La Grande Madre Russia è parte della Storia; una grande Russia che col suo peso contribuisca alla stabilità internazionale, sarebbe una protagonista dei nostri tempi.

Http://www.ispionline.it/it/slownews_ispi/

  • Jones Elizabeth |

    Waow this is quite pleasant article, my sister love to read such type of post, I am going to tell her and bookmarking this webpage. Thanks Festfloor.eu

  • habsb |

    egr. sig. Carl
    “All’origine vi è l’insensata NATOizzaione (anch’essa a tappe forzate) di ex Paesi del Comecon, apparentemente ignorando il vecchio espediente degli “stati cuscinetto” ”

    La NATOizzazione, come dice Lei, non è stata e non è una strategia decisa a tavolino da qualche onnipotente gerarca.
    E’ invece la legittima aspirazione di popoli invasi a più riprese (Helsinki, Praga, Budapest,… ) dall’ingombrante vicino, e che non vogliono il ripetersi di quei tragici giorni.
    Non la trovo quindi affatto insensata, come non trovo insensata l’analoga aspirazione del popolo ucraino, che ha già dovuto subire il genocidio di Holodomor, negli anni 30 e ora l’amputazione della Crimea (certo russofona, come Aosta, è francofona, Bolzano e Strasburgo germanofone etc etc)

    Quanto al principio degli stati cuscinetto, è un’ottima cosa, ma occorre comprendere che nella lotta fra l’Occidente e la Cina Popolare, è oramai il nano economico russo a essere uno “stato cuscinetto”
    I muscoli di Putin sono solo virtuali. A parte il suo potere di scatenare una guerra nucleare, che sarebbe la fine dell’umanità, l’economia russa è talmente malridotta che vi sono forti dubbi sul fatto che possa vincere anche solo contro l’Ucraina da sola in una guerra di lunga durata.
    In caso contrario, la guerra sarebbe già scoppiata. L’unica motivazione del gigantesco bluff russo è data dallo stato mentale del vecchio Biden : è talmente alla frutta che per Putin ogni speranza è lecita…

  • Myindigocard Login |

    Thanks for the update and quick reply. I’ll be sure to keep an eye on this thread. Looking for the same issue. Bumped into your thread. Thanks for creating it. Looking forward to a solution.

  • carl |

    La definizione di McCain non è convincente ed è comunque incompleta. Indipendentemente dalla ricchezza di combustibili fossili e nonostante gli aiuti USA, senza l’industrializzazione pianificata e realizzata a tappe forzate, l’URSS non ce l’avrebbe fatta prima a contenere i tedeschi e poi… Per il RU invece gli aiuti USA furono probabilmente risolutivi.
    “Ricostruire con la Russia un equilibrio europeo” o, diciamo, una situazione di equilibrio, è un concetto cui si dovrebbe (sin da ieri) tendere, dato che come hanno enfaticamente dichiarato di recente al mondo i 5 principali membri del Club atomico: “Nessuno può vincere una guerra nucleare”. Anche se bisognerebbe sapere ciò che in proposito pensino, immaginino, progettino, ecc. i membri, diciamo, “juniores” del Club…Riusciranno i “seniores” a contenerli?
    l’Ucraina preoccupa la Russia? All’origine vi è l’insensata NATOizzaione (anch’essa a tappe forzate) di ex Paesi del Comecon, apparentemente ignorando il vecchio espediente degli “stati cuscinetto” tra antagonisti che si guardino in cagnesco.
    Ovviamente con i missili ipersonici 5/7 minuti diventano 2/3…Troppo pochi per umanamente decidere il pericolosissimo da farsi.. No? D’altra parte la gara corazza/cannone continua e non è difficile immaginare quale sia la trovata in via di cogitazione…
    Infine, se il primo a parlare hollywoodianamente di “guerre orbitali” fu quell’attore che si lasciò alle spalle gli “actor’s studios” per andare alla Casa Bianca, un paio di giorni fa Le Monde riportava che la Russia è pronta per tutto ciò che implichi un eventuale fronte orbitale…

  • habsb |

    egr. dr. Tramballi
    non crede che il popolo Ucraino abbia il diritto di scegliere con chi vuole allearsi ?

  Post Precedente
Post Successivo