Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Cari cinesi

cina
Quattro mesi. Solo quattro mesi dividono le immagini spettacolari della parata del Settantesimo anniversario della Repubblica Popolare, da quelle tristi che oggi arrivano da Pechino, da Wuhan, da Shangai, dalle altre megalopoli e dai villaggi del grande impero di Xi Jinping.

Soldati in file perfette e interminabili, carri armati e missili lungo il viale Chan’an, davanti alla Città Proibita. Dalla morte di Mao Zedong non si vedevano simili segni di culto della personalità: per lo stesso Mao politicamente resuscitato, e la sua reincarnazione del XXI secolo, Xi. Era l’esibizione di una potenza ormai emersa e sviluppata, orgogliosa, ambiziosa e fatalmente arrogante: una Via della Seta senza frontiere; isole improvvisamente emerse nel Mare per farne basi militari; colonizzazione sotto nuove forme del continente africano. Un’ansia da superpotenza sembrava aver chiuso in un museo decadente i “cinque principi della coesistenza”, le cautele internazionali di Deng e dei suoi successori. Anche la smodata reazione di Donald Trump al reale problema delle pratiche commerciali cinesi, era un’ammissione della forza di Pechino.

D’improvviso il quadro è cambiato. Niente soldati e contadini felici come nei manifesti del realismo socialista, ma cinesi veri in bianco e nero, con la mascherina in ospedali affollati. Non più iconografie false della propaganda, ma la realtà dignitosa e ordinata di un popolo che merita rispetto, simpatia e solidarietà.

E’ possibile che il sacrificio di Li Wenliang possa fare quello che la protesta di piazza Tienanmen non fece: cambiare la Cina? Il giovane medico di Wuhan aveva denunciato l’apparire del coronavirus. E’ stato perseguitato dal partito, licenziato e poi riammesso a furor di popolo come eroe. E’ morto in corsia mentre cercava di guarire i suoi pazienti. Forse è anche per lui che il partito ha abbattuto la censura e imposto una trasparenza che non fa parte del suo bagaglio ideologico.

Non sono giorni fortunati per le visioni neo-imperiali del presidente Xi. Celebrava il settantesimo della Repubblica Popolare dalla porta della Pace Celeste, vestito con una Zhongshan, la giacca di Mao, mentre a Hong Kong chiedevano democrazia e indipendenza. Il 2020 era appena incominciato che a Taiwan Tsai Ing-wen, la presidente indipendentista uscente, rivinceva le elezioni 57% a 38 sul candidato del Kuomingtang, favorevole all’appeasement con la Cina continentale. Poi la tragedia del coronavirus.

Di nuovo. L’imprevedibile piaga del virus cambierà la Cina? Di fronte a qualcosa di così inaspettato, estraneo ai programmi degli uomini, potrebbe spingere Xi ad ammettere l’esistenza di un grande e prospero Commonwealth cinese nel quale Hong Kong e Taiwan siano il Canada e l’Australia di Pechino.

E’ il mio vecchio spirito liberale a rendermi così ingenuo. Di sinistra o di destra che sia, nelle difficoltà il liberale vede sempre il bicchiere mezzo pieno. Il coronavirus non cambierà il potere cinese. Però ha reso i cinesi più umani, fragili e dunque finalmente simpatici.

 

P.S. – Questo riguardo ai cittadini della Repubblica Cinese. Poi ci sono gli italiani di origine cinese e i cinesi immigrati che lavorano o studiano in Italia ma che mantengono la loro cittadinanza originale. Gli italiani uguali a me, con gli stessi diritti e uguali doveri, sono 300mila: italiani e basta.

Forse non c’era nulla di male che tre presidenti di regione, al Nord, decidessero di mettere in quarantena gli studenti cinesi. Ma i tre presidenti erano leghisti. Nessun’altra regione guidata, per esempio, da un democratico o uno di Forza Italia l’ha fatto. Solo loro e dopo che Matteo Salvini aveva tentato di cavalcare gli untori cinesi, ultimi arrivati dietro a musulmani e africani.

La cosa non è andata avanti. L’ex ministro degli Interni si è accorto che i cinesi non funzionavano così bene come gli altri, ed è tornato all’usato sicuro dell’invasione dei profughi dalla Libia. Come a volte accade quando un politico non soppesa ciò che dice, si è diffuso lo sgradevole paragone: cinesi uguale virus. Per fortuna abbiamo un Presidente della Repubblica più che degno del ruolo che ricopre. Il minimo che possiamo fare per imitare Mattarella e dare il nostro sostegno ai cinesi italiani o ospiti del nostro paese, è sederci a un ristorante cinese e usare i bastoncini alla faccia del virus.

 

http://www.ispionline.it/it/slownews-ispi/

  • habsb |

    sig. Carl

    Lei scrive
    “Ma non Le é venuto almeno il sospetto che scrivendo la frase da Lei continuativamente”incriminata” io facessi riferimento al fondamentale meccanismo del mercato rappresentato/incarnato da un sufficente e continuo numero di consumatori solvibili che richiedano la pletora di prodotti e servizi offerti in vendita? ”

    Molte belle parole, ma per deformazione professionale, sono piu’ sensibile alle cifre che alle parole
    E le cifre ci dicono che l’export in Cina rappresenta il 7% dell’export USA e l’11% dell’export europeo.
    Ripeto quindi che la Cina è sostanzialmente ininfluente nella domanda di beni occidentali : se il coronavirus sterminasse tutti i cinesi, ben poche imprese occidentali perderebbero i loro sbocchi commerciali. In compenso, molti lavoratori occidentali ritroverebbero dei posti di lavoro ben pagati.

  • carl |

    Bravo sig Bruno, Lei civicamente esterna dell’ottimismo anche se non è tenuto a farlo istituzionalemente, ossia per il ruolo, di primo piano, pubblico o privato che Lei svolge… Ma non mi fraintenda anch’io non escludo a priori, nè tassativamente che vi possa essere un sussulto di razionalità nella conduzione delle cose, della gestione socio-economico-politico, ecc.ecc. Infatti, almeno in teoria (ma anche in pratica) esiste tutt’ora la possibilità che ciò avvenga, specie se si finirà per tener debitamente conto delle numerose e sempre più dolorose cantonate passate alla storia.
    Ma lo si farà ? This is the question… La storia/i fatti ci fanno particolarmente notare che ciò non fu fatto nè nella prima decade, nè negli anni ”20/30 del secolo scorso. Nevvero?

  • bruno |

    Concordo. Anch’io sono portato a vedere il bicchiere mezzo pieno di fronte a crisi di tale portata

  • carl |

    @Andrea
    Lei rappresenta una “voce” nuova nel blog, il che è positivo e arricchente.
    Mi consenta un paio di brevi obiezioni soltanto accennate.
    a) specie nei 2 recenti decenni taluni operatori/produttori/attori di “mercato” sono scesi in picchiata come uccelli da preda delocalizzando in Cina (un eufemismo per i bassi livelli salariali ivi vigenti…:o) per poi vendere i prodotti a prezzi di livello occidentale..
    b) i virus influenzali sono sempre, o quasi, emersi e giunti dall’Asia, a causa delle favorevoli condizioni ambientali e di allevamento.. Ossia che accanto ad una grande densità demografica, si verifica anche una grande e promiscua (e prob anche poco igienica) densità di animali da allevamento e consumo di svariate specie.. Tenga infine conto che dette due densità (e poca igiene) si stanno, anzi sono già presenti anche in occidente.. Il che unitamente al “boom” di viaggi e turismo ci rende sempre più vulnerabili a eventuali patologie virali e loro possibili mutazioni… Per non parlare delle condizioni dell’Africa, del suo habitat, delle sue prospettive e, last but not least, della già avvenuta migrazione e integrazione zanzarica o zanzariosa che dir si voglia.. Ma qui c’entra prob il clima, il che un altro eventuale problema.
    crdlmnte

  • Andrea |

    In questi ultimi anni, rea sicuramente la dipendenza occidentale dalla manodopera cinese, abbiamo assistito ad un incensamento e glorificazione della grande Cina. In stile Hollywood la Cina nell’immaginario collettivo stava diventando la grande potenza, cresciuta con duro lavoro e con tecnologie moderne, ma con solide radici antiche di 5000 anni. Si, ma a che prezzo tutto ciò? Questa epidemia è la punta dell’iceberg di una crescita economica troppo rapida, che se ne frega dei diritti umani e dei diritti della natura. La natura prima o poi si vendica sempre, suo malgrado, se non altro diventando inospitale per l’essere umano.

  Post Precedente
Post Successivo