Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Una pace senza pace?

mbs
El Al, la compagnia di bandiera, ha deciso di aprire un volo giornaliero Tel Aviv-Dubai. Già si segnalano turisti israeliani andati a visitare il Burj Khalifa, il grattacielo più alto del mondo. Affollate delegazioni di piccoli e grandi imprenditori arabo-israeliani visitano gli Emirati a caccia di buoni affari.

Gli arabi sono il 20% della popolazione d’Israele: gli eredi dei palestinesi che nel 1947/48 non fuggirono o non furono cacciati dagli israeliani nei territori che furono poi riconosciuti come stato d’Israele. Sono arabi, sono in gran parte musulmani, sono a loro agio nei paesi che hanno aderito agli Accordi di Abramo. Ora vengono finalmente guardati anche dagli altri arabi con la considerazione che prima non riscuotevano, a causa del passaporto israeliano che avevano in tasca.

Ecco i primi effetti positivi di quel compromesso che se non è un vero trattato di pace, garantisce comunque una palese convivenza che non era esistita per un settantennio. Ancora più importante è stato l’incontro cosi detto segreto fra Bibi Netanyahu e il principe ereditario Mohammed bin-Salman. Un accordo di Abramo anche fra Israele e Arabia Saudita è prematuro ma il solo fatto che l’incontro ci sia stato indica l’inizio di una nuova epoca nella regione.

Netanyahu ha fatto diffondere la notizia; MbS, il principe, ha taciuto. Di più, per conto del vecchio re Salman, il ministro degli Esteri ha addirittura smentito l’incontro. E’ questa stranezza che rivela un decisivo passaggio generazionale. Re Salman ha 84 anni, suo figlio Mohammed 35. Per il primo è impossibile abbandonare la causa palestinese che per decenni è stato il centro focale delle lotte, le ansie e la retorica del mondo arabo. Neanche Nawaf al-Sabah, l’emiro del Kuwait, 83 anni, ha voluto aderire agli accordi di Abramo. Il giovane MbS ha priorità diverse e fra queste non c’è più un stato palestinese.

Forse dopo decenni di boicottaggi, conflitti e intifade, repressone e atti di terrorismo, è questo l’approccio giusto: un definitivo e concreto riconoscimento arabo renderà gli israeliani più disposti a riconoscere i diritti nazionali dei palestinesi. Al momento ho qualche dubbio che l’attuale governo di Gerusalemme e il prevalente sentimento degli israeliani prevedano questa possibilità: ma è un’ipotesi reale che non è giusto scartare.

Tuttavia non credo che sia il destino dei palestinesi la ragione per cui Netanyahu, MbS, Emirati, Bahrein e presto altri, sostengono il loro storico accordo. Un libro fondamentale, il punto di partenza necessario per capire l’origine dei conflitti mediorientali, è “A Peace to End All Peace”. Lo scrisse David Fromkin nel 1989 (qualche anno più tardi Rizzoli lo ha pubblicato col titolo “Una pace senza pace”). Racconta come dal 1914 al 1922 inglesi e francesi crearono le condizioni dell’instabilità mediorientale che conosciamo ancora oggi. La pace di Versailles, i suoi precedenti e il suo seguito, resero impossibile raggiungere una vera pace duratura.

Allora i responsabili di quella pace che non avrebbe portato stabilità, furono le potenze coloniali europee. Oggi chi conduce i giochi nel Levante e nel Golfo (anche in Libia) sono soprattutto le potenze regionali. In teoria è un passo avanti: è più giusto che siano loro a determinare il futuro della regione nella quale vivono. In pratica no: molti di questi paesi sono più ambiziosi, avidi e brutali delle vecchie potenze coloniali.

La ragione degli accordi di Abramo non è la soluzione per la Palestina – sebbene citata en passant in qualche documento – ma il rafforzamento del fronte sunnita anti-iraniano con il contributo d’Israele. C’è una motivazione geopolitica: il pericoloso espansionismo iraniano dall’Irak alla Siria fino al Mediterraneo e al Libano; e una religiosa: lo scontro millenario con il mondo sciita. Con le tecnologie e la qualità delle armi d’Israele, temo che Arabia Saudita ed Emirati non pensino di essere più forti per un negoziato ma per un eventuale conflitto (probabilmente anche Israele di Netanyahu).

Dai tempi di Saddam Hussein si è molto abusato della definizione “madre di tutte le guerre”. Questa, se mai scoppiasse, sarebbe la vera genitrice di un’Armageddon mediorientale.

Http://www.ispionline.it/it/slownews-ispi/

  • haley |

    egr. sig. Carl

    ohibo’!
    Sotto Kruscev la guerra fredda non era ancora scoppiata ?
    Si prenda un caffé e si rilassi, cosi’ non le sfuggirà più una tale bufalaccia ….

  • carl |

    @habsb
    Facciamo un “break” in attesa del prossimo “pezzo”.

  • habsb |

    egr. sig. Carl
    “cosa accadrà, o potrebbe accadere nel M.O.”

    tutto dipende da un ottantenne affetto da demenza senile che si è appena rotto un piede giocando con il suo cane.

    Se continuerà la politica neocolonialista del suo mentore Obama, allora gli USA aggrediranno qualche altro paese, dopo la Siria e la Libia, con nuove morti e distruzioni
    Se invece prenderà esempio da Trump, allora gli USA continueranno i pazienti sforzi diplomatici che hanno già portato allo storico e strabiliante risultato dell’accordo fra Emirati e Israele

  • carl |

    Nell’attesa del nuovo “pezzo” del dott Tramballi, mi ritrovo invece il Suo commentino che traspira da tutti i pori quel talk-show-geist…:) dove tutti, chi più chi meno, si “mordicchiano e graffiano”, anzichè cercare di costruire razionalità e proposte che ne contengano.
    Guardi che, comunque, sia Z che K ebbero ambedue sia un piede nel periodo di “intesa” con gli USA che nel periodo successivo. Perfino S. che, morendo nel 1953, forse nella guerra fredda ci mise almeno il dito grosso o qualche dito del piede..:).
    Possiamo in effetti far inziare la frigo-guerra dopo il 1949, quando anche l’URSS riuscì a possedere la “bomba” e a compensare quel “power divide” che si era creato..?
    Probabilmente sì, ma è una mia opinione. Ritornando al tema dell’articolo di Tramballi, quel che invece conta (e assai più della pandemia) è cosa accadrà, o potrebbe accadere nel M.O. dove la dissuasione basata sulla MAD non esiste e lo Stato ebraico è deciso (“whatever it takes”, prendo in prestito la famosa frase di Draghi) che non si crei, costi quel che costi… Costi che però, e cioè nella malaugurata ipotesi che si arrivi al peggio, potrebbero comunque rivelarsi non molto dissimili dal non rispetto di una MAD mediorientale.. L’Iran infatti non è nè un Hamas, nè un Al Kaida, bensì una struttura statale.
    Ma questa è l’opinione di uno che non conta.

  • habsb |

    egr. sig. Carl

    ohibo’!
    Sotto Kruscev la guerra fredda non era ancora scoppiata ?
    Si prenda un caffé e si rilassi, cosi’ non le sfuggirà più una tale bufalaccia ….

  Post Precedente
Post Successivo