Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Questo Medio Oriente

</span></figure></a> (Una foto-capolavoro di Reuters)
(Una foto-capolavoro di Reuters)

Il commentatore di un’agenzia di stampa turca avanza all’Occidente una domanda legittima: perché sanzionate noi per l’invasione della Siria settentrionale (lui non la chiama invasione), e non l’Arabia Saudita per la guerra nello Yemen? O per aver ucciso e fatto a pezzi un giornalista che si limitava a criticare l’imbarazzante principe ereditario? O per molte altre ragioni plausibili?

Trovo l’obiezione sfortunatamente ineccepibile. Tra il turco Recep Erdogan e il saudita Mohammed bin Salman, detto MbS, è una gara testa a testa fra chi destabilizza con più efficienza il Medio Oriente: cioè il mondo nel quale vivono. Ma in questa competizione i concorrenti sono molti di più. Re, presidenti, primi ministri, generali o autorità religiose, sono pochi i leader di questa regione che non vi partecipano.

Perché, dopo aver messo sotto sanzioni l’Arabia Saudita per lo Yemen – la peggiore crisi umanitaria al mondo, secondo l’Onu – non punire anche l’egiziano Abdel Fattah al Sisi,  il cui regime ha assassinato Giulio Regeni e fa sparire migliaia di giovani egiziani? O il generale Khalifa Haftar, il piccolo Napoleone della Cirenaica; o i militari sudanesi che sparano ad altezza d’uomo contro i manifestanti; o tutti i generali della regione che non difendono le frontiere del loro paese ma, mestano, spiano, reprimono, tramano dentro quelle frontiere contro la loro stessa gente per preservare o conquistare potere. O, ancora, quei leader religiosi che usano la fede come clava politica?

La sanzione d’oro, anzi di platino, dovrebbe spettare a Bashar Assad.  Quando ci furono le prime manifestazioni di protesta, ha tentato di reprimerle con estrema brutalità: è una qualità di famiglia, suo padre Afez era più efficiente.  Poi ha liberato i prigionieri islamici perché prendessero la guida della lotta contro il suo regime, con l’obiettivo di delegittimare quel poco che c’era di democratico nella protesta. Le prove del ripetuto uso di gas contro il suo popolo, sono inoppugnabili.

Ora, grazie ai russi, agli iraniani, a Hezbollah libanese – e naturalmente a Donald Trump – Bashar ha vinto la guerra civile. Il bilancio del quale porta la responsabilità sono 400mila morti, 5,7 milioni di profughi all’estero e altri 6,1 milioni di sfollati interni. In un paese di poco più di 18 milioni di abitanti. Non è l’unico responsabile: ma gli altri hanno perso, Bashar ha vinto. La Siria che rimane fuori dal suo controllo è minima e di relativa importanza per non poter dichiarare vittoria.

E’ difficile che quando la Turchia si sarà fermata e il Kurdistan accetterà di essere sotto la sua influenza, Bashar cambierà. Di solito, quando vincono, i rais come lui tendono a vendicarsi, non a perdonare. Difficile che le sue famose carceri saranno chiuse; ancora più arduo che apra alle opposizioni democratiche e conceda una parte del potere mantenuto dal regime.

Ma in questo Medio Oriente è con lui che dovremo trattare, fare affari, interagire, mandare e ricevere delegazioni di ogni natura. Non sono contrario alle sanzioni ma per funzionare richiedono tempo: prima con l’Iran e poi con la Russia sono state in grado di mordere. Ma in Medio Oriente non c’è tempo: ci sono ancora le guerre e quando si calmeranno (non c’è crisi in quella regione della quale s’intravvedano i segni di una soluzione definitiva), bisognerà proporsi come mediatori e non combattenti; occorrerà contribuire a ricostruire un mondo che è giusto dall’altra parte del nostro piccolo mare comune, il Mediterraneo.

Dovremo sederci di nuovo, parlare, continuare a fare business con Erdogan, Mbs, al Sisi, i libici; con la parte buona del potere iraniano, sapendo che conta di più quella cattiva; perfino con Hezbollah e Hamas. I russi lo fanno con tutti e gli americani dovrebbero imparare da loro.

Dovremo godere della loro ospitalità, bevendo con loro una tazzina di caffè arabo al cardamomo; accettare un caffè turco e poi un bicchiere di te zuccherato, poi di nuovo il caffè e il te, mentre la discussione si protrae; poi un dattero, una focaccia al timo e ancora un caffè. Sapendo quanto possono essere ospitali e contemporaneamente implacabili nella difesa del loro potere. Sapendo che usando l’arma dei profughi, possono facilmente superare la tiepida difesa dei nostri valori democratici. E’ così che funziona, non c’è un altro Medio Oriente. Per essere un po’ più preparati e limitare le brutte figure, consiglio la lettura di “Orientalismo” di Edward Said.

 

http://www.ispionline.it/it/slownews-it/

 

 

Allego un commento mediorientale dedicato alla Russia e uno sul Nobel per la pace, pubblicati questa settimana dal Sole 24 Ore.

 

https://www.ilsole24ore.com/art/siria-caos-medio-oriente-l-unico-vincitore-e-vladimir-putin-ACJw10r?fromSearch

 

https://www.facebook.com/ugo.tramballi.1/posts/2202706186500092

 

 

  • mapquest directions |

    The article you share here is great. I really like and appreciate your work. I read your article deeply, the points you mentioned in this article are very helpful thanks for sharing.

  • boxnovel |

    The images of the Middle East you share are very good. The news is many people interested. Hope you will have more great posts in the future.

  • habsb |

    sig. Tramballi
    “occorrerà contribuire a ricostruire un mondo che è giusto dall’altra parte del nostro piccolo mare comune, il Mediterraneo.
    Dovremo sederci di nuovo, parlare, continuare a fare business con Erdogan, Mbs, al Sisi, i libici; con la parte buona del potere iraniano, sapendo che conta di più quella cattiva; perfino con Hezbollah e Hamas. I russi lo fanno con tutti e gli americani dovrebbero imparare da loro.”

    Pare incredibile che ancora oggi nel 2019 vi siano persone che vogliano interferire, ricostruire, far maneggi con i politicanti di altri paesi come al tempo del colonialismo.
    E se le buone parole, le lusinghe, i contratti e le minacce non bastano, ecco arrivare i bombardamenti di Putin o quelli di Obama e Sarkozy.

    Ma non si rende conto che l’instabilità mediorientale che Lei imputa a torto ai leader turchi o sauditi è invece provocata dalle interferenze occidentali, dalle manovre, dalle sanzioni, dalle negoziazioni davanti alle focacce al timo e ai datteri.

    Lasciamo in pace quei paesi, lasciamo loro i secoli che sono serviti all’Europa per stabilizzarsi senza alcun intervento esterno, sanzioniamo piuttosto i russi che bombardano scuole e ospedali siriani, o Obama e Sarkozy che hanno distrutto la Libia provocando l’ondata di immigranti che invade l’Italia.

    E onoriamo la salutare decisione del Presidente Trump di rimpatriare i soldati americani, molto piu’ utili contro i trafficanti di droga di Detroit e Chicago e i trafficanti di esseri umani alla frontiera messicana.

  • carl |

    Nel leggere la Sua ennesima analisi riguardante il cosiddetto “grende” M.O. cadono proprio le braccia.. Tuttavia un commento, anzi un interrogativo (anzi tre…) lo voglio lasciare.
    Quando riusciranno a coesistere pacificamente le popolazioni di detta area geografico/politica? E come vi giungeranno? Ecco il punto che potrebbe essere cruciale assai qualora accadesse quel che non dovrebbe mai accadere (da nessuna parte) e cioè un conflitto nucleare tra il solo Stato che in M.O. ha finora potuto disporre dell’arma tragica e l’Iran e/o (chissà?) cui forse forse anche l’Arabia infelix (e l’Egitto?) finirà per voler disporne… En passant, non andrebbe peraltro dimenticato che per cancellare, o quasi, la vivibilità nello striminzito territorio dello Stato ebraico basterebbe che fosse centrato da un solo ordigno… Dunque l’Amletico interrogativo storico è: riusciranno tutti (ed in primis i maggiorenti) a rinsavire ed a coesistere pacificamente o dovranno per forza di cose farlo, a spizzichi e bocconi, in tempi post-catastrofici? Va anche tenuto conto di quel dato di fatto( avente anche una valenza geopolitica) che Lei ha giustamente sottolineato e cioè che “..Diversamente dagli USA , la Russia è geograficamente molto vicina al M.O….”. Ma ciò non vale forse anche la nostra Europa? E non tanto geopoliticamente, quanto economicamente ed energeticamente (almeno fino a che non abbia avuto luogo (se avverrà…!) la considdetta “transizione nergetica”.. No? Il che mi fa pensare che anche l’intera Africa (e non solo i giovani eritrei) è necessariamente coinvolta nella transizione energetica.. Già molti la praticano in piccolo (dato il modesto e quasi inesistente potere d’acquisto) usando micro impianti fotovoltaici per ricaricare i cellulari e vedere i programmi TV e l’entertainment che l’occidente continua a produrre e diffondere a piene mani invece dell’ovunque imprescindibile/necessaria istruzione di massa…

  • Milena Scola |

    Sempre “istruttivo” leggere le sue analisi, orientano nella comprensione del bombardamento mediatico che scade non appena si apre un altro fronte… E purtroppo i fronti sembrano destinati a riproporsi all’infinito perché sembra che i tè e i caffè nessuno li gradisca più.
    Continui a scrivere. Grazie

  Post Precedente
Post Successivo