Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Silenzio! L’amico ci ascolta.

Tacete
Fra meno di un anno, il 6 di giugno, si celebreranno i 70 anni dello sbarco in Normandia. E’ su quelle spiagge e in quei villaggi che migliaia di giovani rangers e paracadutisti americani, la “greatest generation” come l’aveva definita un libro di Tom Brokaw, morirono per la nostra libertà. E’ da lì che è incominciato il cammino della democrazia e della costruzione europea. E’ giusto preservare la nostra gratitudine storica.

  Ma fra meno di un anno a fatica si troveranno reduci capaci di tornare sui luoghi di quella epica battaglia, di ricordare, di parlare. Il tempo corrode tutto, anche la Normandia e quello che ha generato. Non c’è gratitudine, amicizia né alleanza capaci di resistere più a lungo di un tempo determinato dalla caducità della memoria umana. A meno che non la si alimenti costantemente. Spiare i più sinceri degli alleati non è il modo migliore per farlo. Al contrario, stimola la riflessione opposta: a cosa serve essere alleati degli americani se ci spiano come i russi?

   Se escludiamo il ministro degli Esteri Emma Bonino e Mario Mauro della Difesa, la reazione degli altri, dal Presidente del consiglio, ai diplomatici, agli accademici,  è stata sconfortante. Si però, in fondo è normale, così fan tutti, non è che possiamo dichiarare guerra all’America, le spiegazioni di Obama sicuramente ci soddisferanno. Un comportamento da Paese gregario. Tanto più che Barack Obama e il segretario di Stato John Kerry hanno già ammesso le accuse, sia pure esibendo un po’ d’imbarazzo.

  Non sarà per questo che usciremo dalla Nato o
che romperemo l’alleanza con gli Stati Uniti, più utile a noi che a loro. Non
saranno le microspie che impediranno alle due sponde dell’Atlantico di
costruire una grande area di libero scambio. Se il trattato commerciale fallirà,
sarà per ragioni economiche ed egoismi nazionali più gravi.

  Ma
almeno indignarci per qualche giorno. Fare la voce grossa, convocare per
esempio alla Farnesina l’ambasciatore americano. Se in maniera del tutto
teorica noi spiassimo le telefonate dei congressmen, di sicuro il nostro a
Washington verrebbe chiamato al dipartimento di Stato, a Foggy Bottom. Non ci
sarebbe niente di male se, elevata la “vibrata protesta”, chiedessimo con forza
immediate spiegazioni, le scuse e garanzie perché cessi lo scandalo. L’orgoglio
ferito non conta, interessa solo a Vladimir Putin. E’ piuttosto una questione
di dignità nazionale. Questa, invece, è ancora importante.

Tags:
  • ddp |

    però, chi non se lo immaginava?

  • carl |

    Spero che mi sia consentito di parzialmente dissentire sull’enfatica affermazione “..è su quelle spiagge(..e in molti altri luoghi..) che migliaia di giovani (..)..morirono per la nostra libertà”.
    E’ chiaro che morirono combattendo i progetti e le armate naziste..Tuttavia, per chi voglia approfondire e riflettere più compiutamente, a 360°, i giovani in questione (e molti altri) morirono per l’abituale “senno di poi” che caratterizzò anche le sedicenti e mediocri “élites” dell’epoca che precedette lo scoppio del conflitto in questione (il primo terzo e quarto del XX secolo.)
    Tanti e di varia natura e portata furono infatti gli errori, diciamo “élitari”, che condussero alla crisi del ’29 negli States, alle decisioni insensate del Trattato di Versailles (giustamente ed imparzialmente avversate da J.M. Keynes che non era tedesco, bensì un funzionario britannico del Foreign Office), alla comparsa delle dittature in Europa, ecc.
    Morale delle succitate vicissitudine: Essendo il passato immutabile, bisognerebbe pensare all’attuale presente ed alle prospettive future e, dunque, all’agire delle sedicenti “élites” attualmente all’opera. E qui mi fermo.

  • Marco |

    E’ dalla fine del fascismo che non abbiamo più dignità nazionale, un paese ridotto ad essere una colonia ebraico-americana, che libera l’assassino del Cermis, che concede la grazia a spie americane responsabili di sequestro di persona ai danni di cittadini italiani…e l’elenco è lungo…

  Post Precedente
Post Successivo