Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Prigionieri dell’Egitto

Egypt_2
“Ci hanno abbandonati, sputando sul piatto nel quale hanno mangiato per 30 anni”, diceva più con tristezza che risentimento un sostenitore di Ahmed Shafik. Quelli che ormai sembrano gli sconfitti, il vecchio regime, si sono radunati a Eliopolis davanti al monumento dedicato ad Anwar Sadat. Non c’era nulla da celebrare, per loro era solo un modo per stare insieme e lenire la sofferenza. E non erano molti: quando il passato finisce, i più attenti fra quelli che vi avevano fatto parte sono già altrove, a contrattare con il futuro.

  Quel nostalgico di Mubarak del quale Shafik era un pallidissimo imitatore, non aveva torto. Non hanno perso le elezioni per colpa degli occidentali ma certamente americani e inglesi hanno convinto i militari a smetterla di barare in quel modo. Tutti sapevano che le elezioni presidenziali le avevano vinte i Fratelli musulmani. Ciononostante, se non ci fossero state “quelle interferenze straniere” lo Scaf, la giunta militare, avrebbe fatto proclamare Shafik presidente: qualsiasi cosa avesse detto lo spoglio delle urne. Così, dopo aver blandito, finanziato e armato Mubarak che per 30 anni è stato un robot dell’Occidente – il piatto nel quale ora si sputa – americani e inglesi sono passati dalla parte della fratellanza. (Non risulta che l’Italia abbia avuto un qualche ruolo di pressione o mediazione in questa vicenda).

  Così ora l’Egitto avrà un presidente. Ma non ancora un sistema democratico. Restano sconosciuti i poteri del capo dello Stato, quelli del governo, l’equilibrio fra i poteri esecutivi, il ruolo del Parlamento, gli spazi delle opposizioni, il ruolo delle forze armate. E tutto resterà così fino a che non sarà scritta una Costituzione. Nemmeno a chi spetti farlo è stato chiarito. Per questo il potere dei militari e piazza Tahrir restano ancora una forza incontrollabile e decisiva.

  Ma per quanto tempo un Paese può essere conosciuto solo per le immagini delle manifestazioni in una piazza? E per quanto tempo un grande Paese come l’Egitto può consumare nel calore di quella piazza le sue risorse civili ed economiche senza trovare una soluzione? Sono passati 16 mesi dall’inizio della rivolta di piazza Tahrir. Si è votato per un referendum e in 12 elezioni. Eppure oggi l’Egitto non ha un parlamento, un presidente né una costituzione. Ed è lontano dall’essere chiaro se il futuro debba essere scritto dai militari, dai Fratelli musulmani o, come dovrebbe essere, da tutte le forze che in questa fase rivoluzionaria troppo lunga sono emerse come legittime rappresentanti delle diversità egiziane. Insieme, in uno sforzo nazionale congiunto.

   Per quante istituzioni si affermino e quante costituzioni si scrivano, il problema dell’Egitto moderno, prima e dopo Nasser, non è mai stato quello di avere un governo. Tutti i Paesi e tutti i regimi sono capaci di darsene uno, prima o poi. Il problema è avere un progetto che non serva solo gli interessi di un gruppo di potere: il re, i militari, i musulmani, i burocrati di Stato, gli imprenditori privati. E’ ciò che l’Egitto non l’ha mai avuto, altrimenti non avrebbe il 40% della sua popolazione sotto il livello di povertà.

   Se l’Egitto non diventa un Paese normale, il Medio Oriente arabo non diventa una regione normale. Se si possono ancora chiamare così, le Primavere arabe sono tutte a metà del guado. Alcune sono piene di speranza, per altre il guado è zuppo di sangue. Ma se alla fine fallisse quella egiziana, fallirebbero tutte.

Tags:
  • MOSHED |

    Caro Ugo, stasera ho seguito per pochi minuti Vattimo alla “zanzara”, (riesco a sopportarlo per tempo molto limitato) è bellissimo vedere i komonisti Komenisti orfani di ogni appiglio, dovendo accettare la più o meno deriva religiosa del medio oriente. Ricordo la guerra del Kippur nel 1973 in cui ho partecipato come soldato proprio nell’armata di Sharon , ricordo la città di Suez abbandonata dai suoi abitanti, ricordo il bunker su monte Ataca a 100 Km dal Cairo….
    Spero che Morsi saprà evitare sofferenze e lutti in Israele è Egitto, contribuendo alla pace nell’intera area, la guerra del 73 era terribile per noi e per loro, condotta con grande furbizia e destrezza dal defunto Saadat, probabilmente il più grande condottiere militare arabo dei tempi moderni; fu ammazzato per vendicare l’accordi di non belligeranza con Israele, accordi che hanno permesso la restituzione integrale, agli Egiziani del penisola di Sinai con ricchi giacimenti di petrolio e gas naturale, oltre a spiagge quasi tropicali, vicinissime alla freddissima Europa in cambio di non pace e non guerra.
    Certo il mondo arabo rischia il ritorno al medioevo, da bambino e ragazzino vedevo con mia madre alla tv egiziana (in bianco-nero), i film “ose” di Omar el Sharif, danze del ventre e presentatrici senza copricapo, cose che diventeranno impossibili, oltre ad una repressione sessuale tipica delle società bigotte (compresa le comunità ebraiche fondamentaliste presenti in certe zone in Israele), per non parlare del amaro destino dei cristiani nei paesi arabi ed africani guidati da governi teocratici.
    Leggo un sottile smarrimento negli ultimi pezzi che hai scritto, Libia, Egitto, la Siria del sanguinario Assad a cui dovevamo restituire le alture del Golan (sic!), l’Iran Komeinista (ti ricordi a Milano le scritte contro la polizia segreta di Reza Phalaui). Purtroppo Ugo e un risveglio amaro in cui le intifade impallidiscono nel confronto con le primavere arabe, una ennesima dimostrazione delle difficoltà a trovare un interlocutore credibile ed affidabile nel tempo.
    Moshed

  • carl |

    Apporterei questa lievissima modifica e cioè: “..Se l’Egitto non diventa un Paese normale, il Medio Oriente arabo-ebraico non diventa una regione normale.”. Sbaglio?
    Anche se, a ben pensarci, mi sembra evidente che a questo mondo non ci sia un solo Paese che possa definirsi “normale”, almeno in un senso ragionevole del termine.. Non ce n’è uno, dico uno.. Chi più chi meno si arrabatta per darsene una qualche parvenza ma.. Non ce n’è uno..:o) (c’è poco da sorridere..)
    Certo che, per quanto riguarad anche l’Egitto, sommando il diffuso analfabetismo + un 40% di subpovertà qual’è il probabile risultato intra muros ed extra muros..??
    Wait end see.
    p.s. nel caso tra i visitors di questo blog ci fossero anche degli “sprovveduti” (e chi lo può escludere? Per entrare non c’è bisogno di mostrare nè la Visa, nè la Diners card..) forse sarebbe il caso di precisare che i pluricitati “Fratelli Musulmani” non sono i “Massoni” arabi..:o)
    Quanti, a stò mondo, che prendono fischi per fiaschi..
    Carl

  Post Precedente
Post Successivo