Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

C’era una volta l’America

america2

“Se periremo, la ferocia del nemico sarà solo la causa secondaria del disastro. La prima sarà che la forza di una gigantesca nazione era diretta da occhi troppo ciechi per vedere tutti i pericoli della battaglia; e la cecità non sarà indotta da qualche incidente naturale o dalla storia ma da odio e vanagloria”.

Nel 1952, quando scrisse “The Irony of American History”, il teologo e intellettuale eclettico Reinhold Niebuhr non poteva prevedere che la sua parabola sarebbe stata così fotografica su un futuro relativamente vicino. Nemmeno pochi mesi prima del novembre 2016 qualcuno in America avrebbe avuto il coraggio di predire l’elezione di un candidato come Donald Trump che demonizza gli avversari e si crede divino come Nerone.

Scrive su Foreign Affairs l’ex premier laburista australiano Kevin Rudd: “La caotica gestione” della pandemia “da parte dell’amministrazione Trump ha lasciato nel mondo l’indelebile impressione di un paese incapace di controllare le sue crisi, figuriamoci quelle di chiunque altro”. Chi ancora crede nell’atlantismo ma anche l’avversario dei suoi valori, ascolta con orrore il leader del mondo libero invitare la gente a iniettarsi amuchina. Nemmeno l’Incredibile Bolsonaro è arrivato a tanto. La nazione che dal 1945 aveva ricostruito i paesi europei sconfitti; affrontato la Guerra fredda, vincendola; garantito la difesa nucleare degli alleati, e solo pochi anni fa guidato in Africa la battaglia contro l’Ebola, ha rivelato una debolezza e un’inaffidabilità che un altro presidente faticherà a smentire.

Più di ogni altro accadimento, l’emergenza del virus ha svelato il significato di “America First”: non contate su di noi. Anzi, non fidatevi di noi. L’Europa era invasa da mascherine e missioni d’aiuto russe e cinesi. Intanto la portaerei Theodore Roosevelt, un asset strategico, era diventata focolaio di contagio; al primo allarme epidemico migliaia di americani hanno fatto la coda davanti alle armerie, elogiati da Fox News; sono stati denunciati tentativi sospetti di comprare in Germania i risultati della ricerca sul vaccino da distribuire solo agli americani. Una volta gli Stati Uniti avrebbero guidato il movimento mondiale per trovare al più presto la cura contro il Covid-19. Oggi invece si chiudono egoisticamente in se stessi, come i cinesi. Questi ultimi lo fanno con l’ambizione di governare il mondo in un futuro piuttosto vicino; Trump solo per rivincere le elezioni, il prossimo novembre.

Nessun impero è perfetto. Brutalità, brama di potere, conflitti sanguinosi sono il contrappunto della loro esistenza. Il giudizio finale lo esprime la Storia, soppesando quegli aspetti negativi con un eventuale lascito universale di civiltà: codici civili, commerci e sviluppo tecnologico, lunghi periodi di pace e stabilità, leggi che garantivano diritti ai suoi cittadini, estesi a conquistati e alleati.

Nei soli primi vent’anni di questo secolo l’America ha dilapidato la parte migliore della sua eredità imperiale. Le sue grandi emergenze del XX secolo erano state superate da guide capaci di affrontarle: Roosevelt la grande depressione e la sconfitta del nazi-fascismo, Truman ed Eisenhower la ricostruzione dell’Europa, ancora Eisenhower e Kennedy la Guerra fredda. Reagan aveva incominciato male con l’ ”Impero del male” e chiuso la presidenza arrivando assieme a Gorbaciov a un passo dall’eliminazione delle armi nucleari.

Le due grandi emergenze che – per ora – ha riservato il XXI secolo, sono state affrontate disastrosamente da presidenti inadeguati. All’aggressione dell’11 Settembre George W. Bush ha risposto con una “Guerra al terrore” che ha sfregiato il sistema legale americano, prodotto in Afghanistan il conflitto più lungo della storia degli Stati Uniti, e l’invasione dell’Iraq costruita distorcendo i fatti (la “canna fumante” di armi nucleari mai esistite), prima che sulla scena delle fake news arrivassero i trolls russi. E ora Donald Trump alle prese con la pandemia.

Da Claudio a Nerone, da Marco Aurelio a Commodo. La decadenza di un impero è un cammino che si misura in decenni, quando non in secoli. Ma uomini sbagliati nel posto sbagliato ne accelerano il destino.

Decine di migliaia d’imprese americane che investono in Cina, un interscambio commerciale da 541 miliardi l’anno, i produttori americani che vendono più auto in Cina che nel loro mercato domestico. Tutto questo dovrebbe bastare per impedire il prossimo shock di questo secolo: un conflitto freddo o caldo fra l’impero dominante americano e quello crescente cinese. Usa e Urss non hanno mai avuto interessi economici così profondi in comune. Ma le ambizioni dell’imperatore cinese sembrano smodate; e la visione dell’americano inadeguata, puramente elettorale. Confidando nei sondaggi secondo i quali il 66% degli americani ha un’opinione negativa della Cina, Trump ha trasformato Pechino in un altoparlante per comizi. Accusando Joe Biden di essere “amico dei cinesi”, il presidente ha instillato nella contesa elettorale una nuova forma di maccartismo. Nel 1950 il senatore repubblicano Joseph McCarty aveva avviato un mostruoso linciaggio pubblico, trovando ovunque “spie sovietiche”: dal dipartimento di Stato a Hollywood.

Ci attendono mesi di cieco scontro interno, reso più violento dalle distorsioni della pandemia. Combattuta in carne e ossa o elettronicamente a distanza, quella di novembre non sarà una campagna edificante per ciò che resta dell’impero americano.

 

http://www.ispionline.it/it/slownews.ispi/

 

 

Allego il reportage da Delhi pubblicato la settimana scorsa sul Domenicale del Sole 24 Ore, pubblicato nella rubrica “Lettera da”, curata da @ElianaDiCaro

 https://www.ilsole24ore.com/art/l-india-si-acconcia-le-feste-ADuRFJQ?fromSearch        

  • habsb |

    Non conosco probabilmente cronista più parziale e tendenzioso che il dr. Tramballi, accecato da un odio partigiano ( e incompatibile con il mestiere di giornalista ) contro i repubblicani USA e in particolare contro il presidente Trump

    La ricostruzione delle “grandi emergenze” americane del XX secolo è un fulgido esempio di distorsione della storia : no, dr. Tramballi, il miliardario FD Roosevelt non ha vinto la grande depressione, visto che nel 1939 la disoccupazione USA era ancora al 10%, malgrado la creazione di un astronomico debito federale. Fu purtroppo la guerra a liberare gli USA dalla sua “industrielle Reservearmee” di disoccupati, mandandola a crepare sugli atolli del Pacifico o sulle spiagge della Normandia, mentre chi restava in patria non mancava certo di lavoro, dovendo produrre armi e beni di ogni tipo per gli eserciti americani, europei e sovietici (i miliardi di aiuti americani ai sovietici che permisero loro di resistere a Hitler!)

    E ancora risposta errata, caro Tramballi, a vincere la guerra fredda non fu certo quell’altro miliardario figlio di papà di Kennedy, che distrusse invece la credibilità americana, invischiando gli USA nella catastrofe del Vietnam, e subendo l’umiliazione della Baia dei Porci. E fra l’altro è il Vietnam, senza ombra di dubbio ad aver gettato il mondo nell’odierno caos finanziario, attraverso la creazione di un debito astronomico e non rimborsabile che obbligo’ Nixon a rinnegare la convertibilità oro del dollaro (un default virtuale che ha tolto valore intrinseco a tutte le monete, aprendo la strada al disordine monetario attuale).
    Fu invece Reagan (dopo i disastrosi anni Carter) a riportare la prosperità in America, e a vincere la guerra fredda sfidando i russi in una gara agli armamenti che li rovino’ per sempre.

    Oggi l’avversario degli USA non è più la Russia, ridotta a potenza di secondo piano, ma la RPC, nuova incarnazione del nazionalsocialismo, con tanto di lager e culto della personalità. La sua potenza economica è cresciuta in modo frodolento soprattutto grazie alla negligenza degli 8 anni di presidenza di Obama, troppo impegnato a bombardare la Libia per difendere gli interessi economici americani.

    Se Donald Trump ha individuato il vero nemico di tutto il mondo libero, è pero’ ostacolato da penne coma la Sua, che ne attaccano atti e parole, in modo ingiusto e distorto.
    Ad esempio, i centomila morti USA di Covid sono tanti, ma non di piu dei centomila morti USA fatti dall’influenza di Hong Kong del 1968, sotto la presidenza Johnson, e passati sotto silenzio dagli agiografi dei presidenti Democratici come Lei.

    Era un’altra epoca, glielo concedo. Accettavamo di morire a causa delle malattie, come un fatto naturale. Oggi non più. Oggi sentiamo il bisogno di dare la colpa delle nostre malattie a un presidente. Questo è il male del nostro secolo, questa cattiveria, questa smania di punire gli altri con accuse, tasse, arresti, processi e prigione.
    Di spendere milioni in un impeachment perché un presidente ha ricordato ad un suo omologo le malefatte della famiglia Biden. Di bombardare interi paesi (Libia, Siria), perché i loro abitanti non accettano i leader che sono loro stati imposti.
    Di imprigionare in lager un milione di uiguri, perché non vogliono abbandonare la loro religione per abbracciare la religione marxiana.
    Di infliggere multe di centinaia di euro a chi non esibisce la ridicola museruola che dovrebbe proteggerlo da un virus grande un centesimo del diametro dei fori di qualsiasi mascherina.
    Di rovinare economicamente milioni di famiglie per evitare che muoiano centomila anziani.

    E’ questa cattiveria generale che mi spaventa piu’ di ogni altra cosa, piu’ di un virus come ne abbiamo conosciuti tanti, più’ di uno stato nazionalsocialista che si appresta a colonizzare economicamente l’Europa grazie alla via della seta, più dei missili nucleari che un giorno à l’altro uno dei tanti autocrati alla frutta finirà per lanciare sui suoi avversari.

    E onestamente, nelle sue accuse ingiustificate contro un presidente che ha riportato l’America alla prosperità e alla pace, non vedo nient’altro che un atto ulteriore di questa cattiveria gratuita che ci allontana sempre di più da quelli cha dovrebbero essere i nostri amici e alleati.

  • affordable essays online |

    I think it was not as it look like! Because America’s was founded by others

  • carl |

    Mah..?Vedo che gli eventuali lettori del blog tutt’al più guardano e passano oltre… A meno che non si tratti di persone use a lasciar commenti solo su FB…
    Comunque sia e se mi sarà consentito lascio un altro e più breve commento con riferimento al popoloso e problematico subcontinente indiano. Non vorrei “épater” nessun “bourgeois”, ma il fatto è che la situazione sociopolitica dell’Unione Indiana mi fa venire in mente (ovviamente su di una scala nuclear-demografica ben più elevata…) quella dello Stato ebraico… In cui gli hindù svolgono un ruolo equivalente a quello degli ebrei e i musulmani quello degli arabi-palestinesi.. E ove, per giunta, non solo c’è un “gabinetto” nazionalista che sta anche promuovendo uno “Stato identitario”ma ove, a mò di ciliegina sul gabinetto, c’è pure un ministro dell’interno (con un nome apparentemente regal persiano A.Shah..:) che vede ovunque traditori ed infiltrati musulmani (ghuspetiye)…

  • carl |

    Soltanto degli intellettualmente cieco/loschi non hanno notato che, specie negli USA ma non solo, da quello che prometteva una settantina di anni fa la democrazia si sia invece via via tramutata in un “gioco” e pure sporco, nel senso che il “fine elettoralistico” giustifica i mezzi, e cioè anche il barare e ricorrere a qualsiasi espediente (spettacolaristico e “influencer”) avente come obiettivo il corpo elettorale, o una corposa manica di esso…
    Quanto al paragone del sig.T. con Nerone… Speriamo s che Lei si sbagli e che, nella fattispecie, non arrivi magari, al culmine di follie para-neroniane non finisca per dar fuoco gli USA! Magari convincendosi, o facendosi convincere da un emulo del dr Stranamore che il ricorso a quel no-first-use nucleare mai sottoscritto, possa essere non solo tecnicamente fattibile, ma pure geopoliticamente risolutivo… Non è forse indicativo la decisione di riprendere aggiornandolo il progetto dell’ex attore di film western, istituendo la “quarta forza armata”(quella spaziale…)?
    Due parole (al vento) sulla dissoluzione dell’URSS. Se fossi un analista alla J.Ryan o un economista reale, prenderei nella dovuta considerazione anche l’ipotesi che nella decisione di porvi fine (e, “d’une pierre deux coups”, ovviamente al Comecon) tenendo conto dell’impossibilità o, cmque, della non convenienza di continuare a fornire materie prime ed energia in q.tà crescenti e a prezzi elaborati a tavolino (in funzione cioè dei piani produttivi intercomunitari prestabiliti) anzichè a prezzi di “mercato”… Ma finora, nè un personaggio di fantaspionaggio e, men che meno, un economista risulta averci dedicato una pensatina.. Eppure a ben pensarci se qualcosa del genere di quel Comecon passato alla storia non sarà fatto proprio dall’U.E., essa potrebbe finire alle ortiche in un cupio dissolvi e metaforica pandemia da “sovranistite”acuta e non coronata…

  Post Precedente
Post Successivo