Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Sex, lies and Vlad Putin. Signore e signori, le elezioni americane!

usvote2
Tutti si aspettavano che ci avrebbero pensato gli hackers russi o Julian Assange (in fondo la stessa cosa). E’ ancora probabile che si facciano vivi a novembre. Invece a imbastire la grande sorpresa di ottobre è stata l’Fbi. Di più, è stato il suo direttore che da rispettabile moglie di Cesare si è trasformato in un nuovo, mostruoso J. Edgard Hoover. Imprevedibile, per usare un paragone calcistico americano, quanto una vittoria dei Cleveland Browns al Superbowl.

Il bureau, garante della sicurezza del paese e dei suoi valori, che volontariamente offre al candidato repubblicano una sponda al limite dell’illegalità, capace di valere una presidenza. Anche se l’avesse fatto in nome dei più alti valori della trasparenza, il direttore Comey sapeva come tutti che quell’entrata in scena avrebbe pesantemente favorito Trump.

Cosa stia accadendo all’America, se lo chiede da mesi il mondo intero dandosi risposte di ogni tipo, compreso un attacco degli alieni alla Terra. Perché gli Stati Uniti non sono un paese come gli altri, sono la superpotenza. Il presidente che siede alla Casa Bianca è così importante anche nelle nostre vite di alleati o nemici, che ogni volta in cui ne eleggono uno, gli americani dovrebbero cederci il 20% del loro diritto di voto.

Personalmente credo che le democrazie dell’Europa occidentale siano più realizzate di quella americana: soprattutto sotto l’aspetto dei diritti sociali. Ma se il vecchio continente ripiombasse nell’autoritarismo, nel populismo e nei nazionalismi, la democrazia americana potrebbe vivere senza di noi. Se la democrazia finisse in America, la nostra non reggerebbe da sola. Faccio un esempio: se mai un giorno Matteo Salvini andasse al potere, saremmo in molti a decidere di andarcene dall’Italia. Ma se Donald Trump va al potere negli Stati Uniti, dove andiamo?

Qualsiasi cosa diranno le urne martedì sera, la categoria che esce peggio da questa mostruosa campagna elettorale, è quella degli uomini. Bill Clinton è stato lo scheletro grande come quello di un mammut, nell’armadio di Hillary. Poi, nella stessa sotto-categoria dei sessuomani assatanati di potere, è arrivato con i suoi autoscatti di nudo Antony Weiner, il marito di Huma Abedin, braccio destro di Hillary. Poi ancora, ecco James Comey con il suo senso on demand della giustizia. Infine, maschilista fra i maschilisti, lui, Donald Trump: il genio (detto senza ironia) capace di vendersi a un vastissimo numero di elettori come l’uomo anti-sistema. E’ come se lo sceriffo di Nottingham si spacciasse per Robin Hood, riuscendo a ingannare anche frate Tuck .

Come tradizione, a gennaio dopo il giuramento ai piedi del Campidoglio, il nuovo presidente in carica guida la parata lungo Pennsylvania Avenue fino alla Casa Bianca. Se vincesse Trump, quel giorno il nuovo presidente potrebbe ostentare la sua ricchezza e le sue proprietà, decidendo di fermarsi a dormire in una suite dello sfarzoso Trump International Hotel, 1100 Pennsylvania Ave., Washington D.C., l’ultimo nato della sua catena. Da fuori sembra allegro come la casa della Famiglia Addams. Fra le amenities c’è la “Spa by Ivanka Trump”, eventualmente first lady.

La vera sconfitta di questa campagna, comunque finirà martedì sera, è Hillary Clinton. Ha interpretato il potere del sistema al quale appartiene quasi ininterrottamente dall’11 genaio1983, quando diventò first lady dell’Arkansas, senza nemmeno provare a dissimulare: sarebbe stata una missione impossibile. Se eletta, sarà una buona presidente, credo che saprà governale l’America meglio di Obama in questa procellosa stagione del mondo. Ha ragione Michelle, la first lady uscente: nessun candidato americano è mai stato così preparato alla carica presidenziale. Ma un politico deve avere quell’empatia mostrata da Roosevelt o Kennedy prima d’imparare a essere presidenti.

Credo che votare per il meno peggio o il migliore dell’altro, non necessariamente il migliore in assoluto, sia una delle qualità della democrazia. Il capo è amato davvero o per finta nelle dittature. Tranne che per Giuliano Pisapia, a Milano, penso di aver sempre votato turandomi un po’ il naso, senza per questo aver mai pensato che le elezioni fossero una farsa. In fondo scegliamo un leader, non un convivente. Questa volta, se sceglierete Hillary, voi amici e alleati americani dovrete mettere un mollettone al naso. Ma, per favore, ricordatevi del 20% della vostra scelta che ci spetta.

 

Come sempre, allego i miei più recenti articoli apparsi sul Sole 24 Ore. Molti fra i membri questo blog non sono lettori del Sole né (beati loro) possiedono un profilo Facebook.

 

Il nuovo presidente in Libano

https://www.facebook.com/ugo.tramballi.1/posts/951793648258025

 

L’anniversario della crisi di Suez

http://www.ilsole24ore.com/art/cultura/2016-10-21/il-grande-gioco-canale-190242.shtml?uuid=ADwPAueB&fromSearch

 

la Sykes-Picot di Russia e Usa

http://www.ilsole24ore.com/art/commenti-e-idee/2016-10-15/la-sykes-picot-20-russia-e-stati-uniti-203127.shtml?uuid=ADHp9HdB&fromSearch

 

Gerusalemme, l’Unesco e Renzi

https://www.facebook.com/ugo.tramballi.1/posts/943670989070291

 

 

 

 

 

  • carl |

    Suggestiva l’immagine pubblicitaria (sembrerebbe di una birra..) da Lei scelta per il pezzo.
    Che illustra 4 “gatti” più o meno sorridenti che, come recita lo slogan sopra la scatola di ballots (vocabolo che ricorda le balle nel senso di bubbole..:o), ci stanno andando al fine di escludere l’amarezza (no bitterness) piuttosto che per mirare a quella “felicità” che, nel 1775, i “padri fondatori” vollero esplicitamente e costituzionalmente menzionare (almeno sulla carta..)..
    Nel paragrafo finale Lei ricorda con altre parole il concetto che la democrazia predilige e sceglie la “mediocrità”..Le male lingue subito aggiungerebbero “perchè è malleabile, condizionabile, ecc….:o)”
    Il paragrafo centrale,quello ove lei cita i nominativi dei principali protagonisti (e/o comparse) della pièce in atto..Può invece consentire una sorta di profana esegesi etimologica..
    a) Clinton (nome di un vitigno..che nell’Italia nostra è bandito dalle vendemmie..:O))..
    b)Weiner (dal mitteleuropeo “wein”, cioè vino..) un personaggio freudianamente ebbro di sesso o come Lei dice “sessuomane”..
    c) Comey ( dal verbo “to come” venire, e che contrariamente all’atteso Godot lui è realmente ed improvvisamente arrivato.. Ed entrato in gioco.. Nel gioco delle parti.
    d) E, parlando di gioco, rimane il Trump che, a parte l’etimo in comune con quello di tromba, o trombone..:o) sembrerebbe avere anche il significato di “briscola” o gioco di carte..
    Curiosa “esegesi”..:o) nevvero ?
    Dimenticavo e) Hillary..Chissà forse da “hilly” cioè “collinosa”..E probabilmente lo era da giovane.. Ma l’inarrestabile ed incorruttibile “chronos” (o tempo) ha però tutto arrotondato ed eroso, come accade ai rilievi geo/topografici di nostra madre terra…
    La ringrazio per aver allegato i pezzi che, non essendo abbonato, non avevo potuto leggere..Niente “portoghesi” a IlSole24Ore..:o)
    Sulla Sykes-Picot Lei dice che mancava di “diritto” un terzo nominativo (russo) che però rimase assente per cause “contingenti”..Ma, a ben pensarci..
    Quanto all’assenza dall’hotel di Losanna (Ouchy) di inglesi e francesi..Oggigiorno spesso basta una presenza di micro “cimici”elettroniche..:o) Nevvero?
    E chiudo con l’amara, ma reale, constatazione che Lei esprime, en passant, nel penultimo paragrafo del pezzo dull’Unesco ecc. e cioè”..Il negoziato di pace è inesistente…”
    Dimenticavo di ringraziarLa per avermi appreso che il canale di Suez, basilare per l’Europa come quello di Panama per gli Usa, garantisce all’Egitto il 4% del PIL..
    Pochino. immaginavo di più. e il restante 96% da dove si materializza???
    cordialmente

  Post Precedente
Post Successivo