Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Iran, per Israele il tempo stringe

di Ugo TramballiCronologia articolo4 settembre 201

Benjamin Netanyahu (Ap)
Benjamin Netanyahu (Ap)

Ariel Sharon, che 40 anni fa lo aveva scelto per eliminare i capi palestinesi, diceva che «la sua specialità è separare un arabo dalla sua testa». Non si può dire che Meir Dagan, capo del Mossad fino a qualche mese fa, sia un pacifista. Ma è di questo che Bibi Netanyahu e il ministro della Difesa Ehud Barak lo accusano, da quando l'ex capo del servizio segreto ha detto che bombardare i siti nucleari iraniani è sbagliato: «L'Iran emergerebbe da un attacco più unito che mai e più determinato ad avere il nucleare». Come dire: si può bombardare la Bomba, non la capacità tecnica e la volontà politica di farla.

Il dilemma israeliano se attaccare o no l'Iran, nato come dibattito discreto fra i vertici politici e della sicurezza, è diventato una rissa pubblica. Come molti altri comandanti militari, anche l'ex capo di stato maggiore Gabi Ashkenazi è contrario all'operazione. Shimon Peres, il presidente, sostiene che «attaccare l'Iran senza il consenso americano sarebbe una follia». Sentitosi tradito, Netanyahu lo ha accusato di aver ucciso i mille israeliani vittime della seconda Intifada: Peres aveva firmato gli accordi di pace di Oslo, 1993. Da allora premier e presidente non si parlano.

La rissa è tracimata dagli stretti confini d'Israele. Qualche giorno fa Netanyahu e Dan Shapiro, ambasciatore Usa in Israele, hanno avuto uno scambio verbale che ha superato di gran lunga i limiti del bon ton diplomatico, dice chi ha partecipato all'incontro. L'eventuale bombardamento non sarebbe una questione fra Israele e Iran: esploderebbe il Golfo e difficilmente gli americani riuscirebbero a restarne fuori. È una questione internazionale: potenzialmente più importante della crisi economica globale che una guerra, i cui campi di battaglia sarebbero quelli petroliferi, aggraverebbe. Anche pensando ai rischi economici, Angela Merkel ha chiamato Netanyahu intimandogli di non attaccare l'Iran e «dare tempo alle sanzioni e alla diplomazia di essere efficaci».

Bibi ed Ehud Barak, al momento gli uomini più potenti d'Israele, sono i due fondamentali sostenitori dell'attacco. Il fondamentale oppositore al loro disegno è l'amministrazione democratica americana. Gli israeliani sono convinti che Barack Obama rivincerà e una volta rieletto sarà troppo forte per essere ignorato. Il presidente la pensa come Meir Dagan: c'è ancora spazio per la diplomazia, le sanzioni economiche e per sfruttare le divisioni nel potere iraniano. Per attaccare dunque la finestra possibile per Israele è da qui all'inizio di novembre. Mitt Romney è dichiaratamente favorevole ai piani di Netanyahu: un'operazione militare in campagna elettorale costringerebbe Obama a sostenerla. I sondaggi dicono che la comunità ebraica, potente negli "swing states" decisivi per la rielezione, continuerà a votare democratico. Ma non per un presidente democratico che non sostiene Israele in guerra.

L'altro ieri Netanyahu è stato minaccioso come con l'ambasciatore Shapiro: la comunità internazionale non è abbastanza determinata con l'Iran che «non deve avere armi nucleari». Temendo un'azione unilaterale, l'amministrazione americana ha pianificato nuove esercitazioni e missioni segrete nel Golfo. Bibi non è amato da nessun leader al mondo: Nicolas Sarkozy diceva che è un bugiardo. Ma Obama lo detesta. Da presidente non ha mai visitato Israele.

Dalla guerra in giù, gli americani stanno vagliando tutte le opportunità nel Golfo: compresa quella, al polo estremo del conflitto, di "vivere con la Bomba iraniana" o con la capacità tecnica iraniana di assemblare una bomba. Molti Paesi sono a questo livello che non viola il Trattato sulla non proliferazione. Per Israele questo è insostenibile. Bibi e Barak affermano che nonostante gli assassinii degli scienziati (organizzati da Dagan) e la guerra cibernetica di Usa e Israele ai computer iraniani, la Bomba è quasi pronta. L'Iran sta mettendo le sue centrali nel sottosuolo, è vicino al punto in cui, dice Israele, non sarà più possibile bombardarle.

Netanyahu ama paragonare la minaccia iraniana all'Olocausto: della retorica è un campione. Ephraim Sneh, ex generale e ministro laburista, anche lui contrario all'attacco, è più convincente sui rischi che corre il Paese: nell'ipotesi della Bomba iraniana, «Israele perderebbe il suo vantaggio strategico nella regione. Perderebbe la guida come Paese d'imprenditorialità ed eccellenza; calerebbero gli investimenti stranieri e i giovani israeliani di talento costruirebbero all'estero il loro futuro. Nessun leader israeliano responsabile permetterebbe che un tale incubo diventi realtà».

Clicca per Condividere

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta la notizia

ANNUNCI GOOGLE

Il Fotovoltaico conviene?
"A chi mi chiede se il Fotovoltaico conviene, svelo sempre queste cose"
www.FotovoltaicoPerTe.com

Compriamo Monete in Oro
Valuta online le tue monete in oro. Scopri adesso il patrimonio che hai
Monete-Oro.AlMonteSrl.com

investire europa
Appartamenti liberi da 32.430 € ! Prenota subito il tuo immobile
www.frontlineberlin.com

Lascia il primo commento a questo articolo

 

Scrivi il tuo commento

Entra nella community per lasciare un commento

Permalink

Selezionati per te

    Nessun articolo suggerito.